Biografia

Beatrice Buscaroli nasce a Bologna il 27.IV.1963.
Frequenta il Liceo Classico Luigi Galvani di Bologna, dove consegue la maturità nel 1982.
Si iscrive al Corso di Laurea in Lettere Moderne con indirizzo storico-artistico presso l’Università degli Studi di Bologna, laureandosi il 23.XI.1987 con la votazione di 110 su 110 e lode.
Vince per concorso l’ammissione al Corso di Perfezionamento in Storia dell’Arte Medievale e Moderna presso la stessa Università, che conclude il 10.VII.1991 con la massima votazione e la lode.
Vince per concorso la borsa di studio della Fondazione di Studi di Storia dell’Arte Roberto Longhi di Firenze per l’anno 1989-90.
Nel 1994 ha vinto per pubblico concorso il posto di Curatore delle mostre e dei musei presso le Civiche Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea di Ferrara con funzioni di vicedirezione delle Gallerie.

Ha quindi coordinato l’attività espositiva degli spazi delle Civiche Gallerie di Ferrara curando l’ideazione, l’organizzazione e la cura scientifica delle seguenti mostre:

- Un Museo in Mostra, 1994 (Riallestimento del Museo dell’Ottocento in Palazzo Massari)
- Paul Gauguin e l’avanguardia russa, 1995
- Il pittore allo specchio, 1995 (coordinamento della mostra)
- Max Klinger, 1996 (coordinamento e direzione della mostra)
- L’ora blu. Artisti di Villa Romana, 1996
- Roma 1950–59. Il rinnovamento della pittura in Italia, 1995-96 (coordinamento della mostra)
- Milano 1950-59. Il rinnovamento della pittura in Italia, 1997 (coordinamento della mostra)
- Renato Guttuso, 1996
- Filippo de Pisis, 1996-97 (direzione della mostra)

Dal 1998 passa al Comune di Bologna, Servizi Culturali Centrali, con il ruolo di Responsabile del sistema museale Bologna dei Musei e Attività Espositive del Comune di Bologna.
Cura tutta l’attività scientifica e promozionale connessa al sistema museale (partecipazione a convegni, mostre, attività didattica, pubblicazioni).
Cura la pubblicazione della guida ufficiale al sistema museale “Bologna dei Musei”, ed. 2004 e 2005 e l’organizzazione dei programmi di animazione e didattica “Il Museo si diverte”.
Cura la mostra e il catalogo dedicati a Petronio e Bologna. Il volto di una storia, Bologna, Palazzo del Podestà, 2001-2002 (catalogo ed. Edisai, Ferrara, 2001), e le manifestazioni collaterali, tra cui un ciclo di conferenze organizzate con l’Istituto Veritatis Splendor-Fondazione Cardinale Giacomo Lercaro di Bologna.
Fa parte del Comitato Esecutivo della mostra Elisabetta Sirani (Bologna, Museo Civico Archeologico, 2004-2005) e cura una serie di conferenze e presentazioni.

Dal 1998 al 2003 è Direttore artistico dello spazio Lamec (Laboratorio per l’arte moderna e contemporanea) del Comune di Vicenza: Ha coordinato e diretto l’organizzazione, la cura scientifica e la promozione delle seguenti mostre:

- Futurismo. I gruppi Boccioni e Savarè, 1999
- René Paresce 1886-1937, 2000
- Paul Jenkins, Viaggio in Italia, 2001
- Novecento nascosto, 2001
- Generazionale, Indagine sulle nuove generazioni, 2001
- Carlo Mattioli. Una collezione, 2002
- Domenico Rambelli, 2002
- Mito contemporaneo. Futurismo e oltre, 2003

Dal 2005 al 2012 è Direttore Artistico presso le Collezioni d’Arte e di Storia della Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna, con funzioni curatoriali, acquisizioni, divulgazione.